lunedì 22 gennaio 2018

Archivio degli editoriali

Mese di novembre
Editoriale di Elisa Bonetti,  2BLSU

“Non si scrive perché si ha qualcosa da dire ma perché si ha voglia di dire qualcosa”. 

Credo che la frase di Emile Cioran sia il modo migliore per iniziare a spiegare il perché della nascita di un blog dell’istituto Mattei. 

Una voce, una voglia di esprimersi attraverso un mezzo – apparentemente – semplice come appunto può essere un blog: espressione comunicativa che sta a metà strada tra il tipico giornale cartaceo e il giornalismo interattivo del web. 

Assumo il ruolo di direttore di questo blog per una mensilità. Un compito non facile, ma che mi appresto ad assolvere nel miglior modo possibile: farò da apripista al Mattei ‘s Blog in una veste che mi vedrà come la solita studentessa ma anche come una giornalista in erba.

“Non si scrive perché si ha qualcosa da dire ma perché si ha voglia di dire qualcosa”.

Io voglio dire qualcosa. 
Cosa? Se volete scoprirlo non resta che seguirci. 
Leggeteci, sarà un contributo di non poco conto per far crescere un progetto tutto nuovo che avrà come protagonisti la scuola e noi studenti.
È per questo che è nato il Blog scolastico: per dare la possibilità a ognuno di esprimere la propria opinione. 
Siamo tutti coetanei, ci incrociamo durante la pausa ricreativa, ci vediamo chissà quante volte al giorno nei corridoi mentre ci spostiamo per andare verso le rispettive aule, ci incontriamo al bar. Eppure, è come se non sapessimo niente l’uno dell’altro.
Impariamo a conoscerci. 
Ci chiamano nativi digitali: sempre fissi al cellulare, collegati eternamente a internet. Non c’è momento della nostra esistenza che non sia immortalato da uno scatto fotografico. 
Ora possiamo connetterci anche al blog. 
Ascoltiamoci…E se avete voglia di segnalarci qualche argomento che vi sta a cuore o spedirci qualche foto di eventi che la scuola ha promosso, o semplicemente un fatto curioso che vi piacerebbe farci partecipe, potete scrivere a: istitutomatteiblog@gmail.com


IL PIACERE DI LEGGERE

“Scrivere con la trasparenza dell’acqua e la prepotenza del fuoco.”

La citazione che fa da incipit al mio primo editoriale è di Gabriele Martufi,  un giovane il cui pensiero è virale all’interno del mondo web.

Inizio con questa citazione, perché credo sia la più appropriata per farvi capire come si è evoluto il mio modo di scrivere gli articoli e, in particolare, come è cambiata la mia idea di redazione giornalistica: se prima non avevo idea di come si svolgesse la professione, oggi – forse – so qualcosa in più. Ad esempio le tempistiche: in un blog – anche più che in una testata cartacea – le notizie diventano vecchie prima di subito.

Come secondo direttore (temporaneo) mi piacerebbe apportare delle idee nuove all’interno del Matte ‘s Blog e, in effetti, qualche progetto è già stato calendarizzato. Come trasformare la rubrica della “Ricetta del mese” in qualcosa che ricordi il meraviglioso crogiolo di anime culturali che vivono all’interno del nostro Istituto. Gennaio è il mese in cui si festeggia il Giorno della Memoria: una ricetta israeliana potrebbe essere un ottimo inizio di un nuovo percorso editoriale. Ad onor del vero l’idea non è solo mia: è stata la mia amica e compagna di classe Anta Thione a proporlo.

All’inizio mi sono buttata in questo progetto per curiosità, ma ora è diventata una vera e propria passione, che spero continui nel tempo.

Mi è sempre piaciuto scrivere per le persone, forse più che scrivere per me stessa. Il senso di appagamento che si prova nel vedere ciò che si ha scritto, magari stando ore e ore davanti al computer, viene apprezzato, ti crea un orgoglio indescrivibile e, per un secondo, ti sembra di essere il re del mondo.

Per quanto riguarda il mio ruolo di direttore mi sento molto onorata e cercherò di far funzionare il blog nel migliore dei modi.

Voglio far conoscere il nostro progetto al maggior numero di persone e far valere tutto l’impegno messo nei nostri articoli. Per questo abbiamo in mente tantissime idee, ma non posso anticiparvi più di quanto abbia già fatto.

Questo è tutto dal vostro nuovo direttore del Mattei ‘s Blog. Restate sintonizzati, nuovi articoli interessantissimi vi aspettano e non dimenticate: “Il giornalista è sempre uno che dopo sapeva tutto prima”.Parola del giornalista Karl Kraus.

Martina Cattani 1ALSU

NUOVA VESTE PER IL  MATTEI ‘S BLOG
L’estate è finita e un nuovo anno scolastico è bello che iniziato.
Davvero tante le novità, ma ce n’è una in particolare che riguarda il nostro giornalino on line: il cambio del direttore.
Per questo mese – magari anche di più, chissà – sarò io il capitano della testata.  
Mi sono dunque messa subito a lavoro, in cerca di notizie fresche di stampa e di nuovi progetti per riuscire a far conoscere il nostro Blog. E le idee non mancano di certo.
Da cosa comincio?
Magari bandire un concorso per trovare un nuovo logo per la testata. L’intento di quest’anno è apportare le modifiche necessarie affinché il blog – che per noi della redazione è un vero lavoro – diventi qualcosa di più di un giornalino letto solo dagli studenti della scuola. Rendere il giornalino scolastico sempre meno scolastico: sarebbe bello, un giorno, rivedere i nostri articoli e leggerli con l’occhio di chi ha alle spalle una maggiore esperienza giornalistica.
Rideremo? Sì, forse. O anche no, perché questo blog sta segnando la nostra adolescenza, ci forma in certi aspetti del nostro carattere (che magari non sapevamo neppure di avere); ci aiuta a maturare la cosiddetta “faccia tosta”. Perché intervistare gli sconosciuti non è proprio la cosa più semplice del mondo.
Intanto, che noi della redazione riflettiamo su ciò che dobbiamo scrivere e come migliorare il Mattei ‘s Blog, vi invito a leggere i nostri articoli.
Aiutateci a rendere questa piccola, piccolissima impresa giornalistica, un poco più grande e ricordate: leggere non ha mai ucciso nessuno, semmai lo ha reso più saggio.

Buona lettura! 
Cassandra Pastori, 2ALSU





0 commenti:

Posta un commento